Taranto 2021

28 e 29 Settembre
Evento in presenza e online

Circular
Economy

forum
Registrati

About

The Future
is

Il prossimo Re-think – Circular Economy Forum si terrà il 28 e 29 settembre a Taranto. Le due giornate saranno un'importante occasione per favorire l’ulteriore sviluppo dell'Economia Circolare con un focus su alcuni temi di grande importanza per la città di Taranto come la transizione energetica, i porti circolari, e l’ottimizzazione degli scarti. L’evento sarà svolto in modalità mista tra fisico e online.

Temi


Transizione energetica ed energie rinnovabili

Tecnologie e trend emergenti che utilizzano nuove fonti energetiche pulite come le possibilità offerte da biocarburanti derivanti da alghe e da scarti alimentari, dall’idrogeno o altre forme di energie rinnovabili


Porti circolari

Tecnologie e trend emergenti che trasformano i porti in luoghi dove implementare l’economia circolare gestendo direttamente i diversi materiali e favorendo un approccio circolare anche nella gestione delle navi


Gestione ambientale e rifiuti

Tecnologie e trend che permettono il recupero dell’ambiente e dell’ecosistema, la gestione dei rifiuti derivanti dalle plastiche e dagli pneumatici e la produzione di bioplastiche dagli scarti organici


Innovazione e Imprenditorialità

Innovation Call

Se sei una startup che opera nell’Economia Circolare, puoi candidarti per la nostra Innovation Call per rispondere alle challenge definite dai partner dell’evento.

Aree tematiche della Call

Transizione energetica

La transizione energetica è uno dei punti chiave del PNRR e del Green Deal. E’ necessario affidarci sempre più a fonti di energia pulita e rinnovabile: l’obiettivo europeo è arrivare almeno al 32% di utilizzo di energie rinnovabili entro il 2030. L’energia prodotta da fonti rinnovabili, sta diventando sempre più conveniente ed efficiente, anche grazie alle continue innovazioni in quest'ambito. Siamo alla ricerca di startup innovative operanti nel mondo dell’energia rinnovabile, in particolare nella produzione di biofuels, energia solare, energia eolica ed energia marina, interessate a contribuire alla transizione energetica del territorio pugliese.

Porti circolari

I porti sono luoghi ideali per valutare, testare e avviare nuove strategie di economia circolare. Ricerchiamo startup innovative nell’ottica di un’economia circolare rigenerativa che operino per lo sviluppo di una value chain, attraverso forme di estensione della vita utile (es. riuso, remanufacturing, rigenerazione,) e/o innovazioni dei processi di recupero, rigenerazione, trasformazione, riciclo e valorizzazione energetica, relativamente ai rifiuti più comunemente generati in ambito portuale.

Gestione ambientale e rifiuti

La gestione efficiente e sostenibile dei rifiuti e degli scarti rappresenta uno strumento importante per migliorare l’ecosistema e per creare valore sociale. L’obiettivo è cercare di far durare il più a lungo possibile ciò che viene utilizzato, e in seguito, differenziare gli scarti per categoria, per permettere il riutilizzo di tutti i materiali che possono essere rilavorati e riusati per nuove applicazioni. Siamo alla ricerca di startup attive nel riutilizzo di scarti di produzione che diventano materie prime seconde come bioplastiche, biofertilizzanti, biocarburanti o materiali rigenerati, che incentivano lo scambio di prodotti in disuso e che promuovano la raccolta differenziata.

Hackathon

Se sei uno studente proveniente da una delle Università del territorio pugliese, puoi candidarti per il nostro Hackathon e lavorare in team per presentare possibili progetti circolari. Le aree tematiche che saranno protagoniste dell’Hackathon sono: Agricoltura rigenerativa e circolare, Porti circolari, Turismo sostenibile.

Aree tematiche dell’Hackathon

Agricoltura rigenerativa e circolare

A partire dalla metà del secolo scorso la tipologia di agricoltura più utilizzata è stata l’agricoltura intensiva che è proiettata a massimizzare le rese di ogni coltura. L’agricoltura intensiva, tuttavia, porta con sé numerose problematiche, quali irrigazioni eccessive, utilizzo di massicce dosi di fertilizzanti, deliberato utilizzo di pesticidi: questo sfruttamento del suolo non ha potuto che portare all’impoverimento del terreno, ormai demineralizzato e talvolta del tutto sterile. L’approccio dell’agricoltura rigenerativa e circolare ha, invece, lo scopo di rigenerare i suoli, senza impoverirli e inquinarli. Tra le tecniche vi sono permacultura, agroforestazione, agricoltura organica e pasture cropping. Tutte queste pratiche agricole non solo riescono a nutrire le varie colture, ma arricchiscono a livello minerale e biologico gli stessi terreni

Porti circolari

Le aree portuali presentano delle caratteristiche che possono rendere particolarmente efficace l’applicazione dell’economia circolare. I porti sono, infatti, sviluppati in un’area geografica specifica e sono caratterizzati da un’elevata vitalità in termini di realtà produttive che coesistono nel contesto dell’area portuale secondo un sistema ordinato e strutturato, ma che spesso prevede una debole interconnessione, una gestione non sufficientemente integrata ed efficiente delle risorse. E’ quindi necessario gestire le risorse in un’ottica volta alla massima valorizzazione di scarti, e di creazione di nuovi prodotti, business e competenze per il mantenimento della catena del valore sul territorio.

Turismo sostenibile

Il turismo sostenibile è l'opposto del classico turismo di massa che vede milioni di persone spostarsi ogni anno nelle "mete turistiche per eccellenza" in città, al mare, in montagna o al lago, generando spesso sovraffollamento turistico dannoso per l'ambiente, gli abitanti, i monumenti e i servizi locali. Il turismo sostenibile ha come obiettivo quello di promuovere la conoscenza e la valorizzazione delle culture e delle tradizioni locali, nel rispetto dell'ambiente e dei sistemi di vita dei paesi, dei territori e delle popolazioni ospitanti.

Locations

info@tondo.tech

28 settembre dalle 9.30 alle 13.00

Castello Aragonese - Piazza Castello, 4, Taranto

28 settembre dalle 14.00 alle 18.30 e 29 settembre dalle 9.30 alle 17.45

Università degli Studi di Bari – sede di Taranto - Via Duomo, 259, Taranto